In arrivo le super-batterie al grafene “made in Italy”

Grafene....

Giulio Cesareo, presidente e CEO di Directa Plus, ha annunciato lo sviluppo, da parte della sua azienda, di un processo innovativo brevettato e approvato per la produzione industriale di grafene.

L’impresa tecnologica ha stretto di recente a tal riguardo un accordo con l’Istituto Italiano di Tecnologia (Iit), al fine di trasferire in prodotti industriali su vasta scala e a prezzi competitivi, l’innovazione, che potrebbe consentire di dare vita alle super-batterie al grafene capaci di durare il 25% in più rispetto a quelle attualmente in commercio, ricaricando molto più velocemente i veicoli elettrici.

Con la partnership con l’Iit, sarà possibile sviluppare, ad esempio, batterie al litio con elettrodi a base di grafene, che potranno essere infatti molto più efficienti e flessibili di quelle prodotte a base di grafite.

Realizzare le batterie al grafene può rappresentare sicuramente una svolta, come rivela il CEO di Directa Plus Cesareo: “La nostra società, fondata nel 2005 e con sede nel Parco Scientifico Tecnologico ComoNext di Lomazzo, sviluppa un processo che va dalla micro alla nanotecnologia. Partiamo dalla grafite naturale, dalla materia prima e arriviamo a fogli di grafene altamente puro. Siamo gli unici in Europa capaci di produrre in grandi quantità pacchetti di fogli di grafene purissimo con un processo brevettato e approvato nel 2010″.

Il grafene può essere utilizzato anche sul battistrada di alcune gomme, offrendo una maggiore scorrevolezza e garantendo una maggiore velocità.

L’aggiunta di grafene, infatti, riduce la resistenza al rotolamento, migliorando le prestazioni dello pneumatico da bicicletta, che diventa più leggero e più resistente alle forature. 

Fonte:Directa Plus

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0