Da Shanghai a San Francisco in meno di due ore con il sottomarino supersonico

sottomarino_supersonico

La Cina sta sviluppando il progetto di un sottomarino supersonico in grado di viaggiare da Shanghai a San Francisco in meno di due ore. L’incredibile velocità raggiunta sarebbe possibile grazie alla nuova tecnologia della supercavitazione, sviluppata da un team di ricercatori  al lavoro per l’ Harbin Institute of Technology, che consentirebbe di viaggiare a velocità supersoniche sott’acqua.

Tale tecnologia, già esistente ai tempi della Guerra Fredda, consente ad una nave di spostarsi a velocità elevatissime all’interno di un fluido grazie alla creazione di una bolla d’aria intorno all’oggetto.

Come spiegato in un rapporto del California Institute of Technology, una nave supercavitante potrebbe raggiungere la velocità del suono sott’acqua, ossia 5800 chilometri l’ora.

Li Fengchen, professore d’ingegneria dell’Istituto tecnologico cinese, pare aver anche trovato una soluzione ai due problemi che hanno finora impedito a tale tecnologia di svilupparsi, ossia la necessità di una spinta propulsiva iniziale ad alta velocità e l’incapacità di guidare la nave quando si trova nella bolla.

In sostanza quando il sottomarino supersonico si troverà nella bolla verrà costantemente irrorato con una speciale membrana liquida, che potrebbe ridurre la resistenza dell’acqua sulla nave anche a basse velocità. In seguito poi, una volta superati i 75 chilometri all’ora, il sottomarino entrerebbe nello stato di supercavitazione e la membrana liquida artificiale sulla sua superficie potrebbe essere di aiuto per direzionare il sottomarino, realizzando svariati livelli di attrito su differenti parti della nave.

Fonte: Harbin Institute of Technology

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0