Robot formiche per esplorare le superfici di Marte e della Luna


Robot-Nasa-420x280 Robot formiche per esplorare le superfici di Marte e della Luna

Un team di ingegneri della Nasa è al lavoro per dare vita ad una serie di robot di dimensioni molto ridotte che potrebbero essere inviati nello Spazio alla ricerca di risorse preziose, come se fossero un’operosa colonia di formiche.

Basandosi sulla ricerca condotta dall’Università del New Mexico, gli ingegneri del Kennedy Space Center della NASA, hanno già sviluppato dei software che guidano i piccoli robot a individuare in maniera casuale in una determinata area alcuni materiali ritenuti interessanti dai ricercatori.

In futuro, poi, tali robot potranno essere inviati su un asteroide o sulla Luna o su Marte per scansionare le loro superfici alla ricerca ad esempio dell’acqua o del ghiaccio oppure di altre risorse preziose che potrebbero essere trasformate in combustibili utili per azionare i razzi spaziali.

Per ora i test che si stanno svolgendo al Launch Control Center di Kennedy, sono stati realizzati con quattro robot prototipi denominati “swarmies”, che assomigliano a camion radiocomandati.

Ognuno di essi è dotato di una webcam, di un’antenna WiFi e del GPS. Sono programmati per lavorare in autonomia  e sorvegliare un’area a loro assegnata. Non appena trovano un oggetto interessante richiamano gli altri robot e cooperano per prelevarlo un po’ come fanno le formiche quando trovano qualcosa di utile da condividere con le altre.

Per Kurt Leucht, ingegnere del Kennedy Space Center, che ha lavorato al progetto, le future missioni della Nasa potranno utilizzare robot di dimensioni molto ridotte, in quanto sono facilmente gestibili e intercambiabili.

 Fonte: Nasa

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.