Telit introduce il modulo GPS Jupiter SL869-V2S a bassissimo consumo energetico


Jupiter_SL869_V2St-420x181 Telit introduce il modulo GPS Jupiter SL869-V2S a bassissimo consumo energetico

Telit Wireless Solutions ha presentato il modulo GPS Jupiter SL869-V2S, progettato per migrare facilmente da soluzioni GPS per applicazioni semplici a soluzioni full-GNSS per applicazioni top-ranked.

Il modulo Jupiter SL869 V2S supporta le costellazioni GPS e QZSS ed è ROM based. I dati di geolocalizzazione sono forniti utilizzando il protocollo NMEA attraverso lo standard UART. SL869 V2S è in grado inoltre di includere file ephemeris (A-GPS) nonché Satellite Based Augmentation System (SBAS), per incrementare la precisione del posizionamento. Il suo software integrato è in grado di prevedere localmente le effemeridi tre giorni in anticipo, iniziando dai dati broadcast provenienti dai satelliti GNSS, ricevuti dal modulo e immagazzinati nella flash memory host.

I benefici chiave includono:

  • Compatibilità pin-to-pin con la gamma JN3/xL869
  • Stesso protocollo utilizzato nel modulo SL869 V2
  • Migrazione lineare tra soluzioni full-GNSS e GPS
  • Support Satellite Based Augmentation System (SBAS) per incrementare la precisione del posizionamento
  • Assistenza GPS

Il modulo SL869 V2S può sostituire i moduli JN3, SL869 o SL869 V2, consentendo ai clienti di progettare una volta e di realizzare in modo intercambiabile la soluzione a seconda delle caratteristiche richieste. Il modulo xL869 fa parte della gamma dal form factor unico che consente ai clienti di selezionare tra diverse tecnologie e caratteristiche GNSS. I moduli di questa famiglia sono offerti in16 x 12.2 mm, 24-pad, LCC.

Il nuovo modulo SL869 V2S è progettato per essere facilmente sostituito con altri moduli xL869, per migliorare la semplicità e scalabilità”, ha commentato Taneli Tuurnala, CEO di Telit GNSS Solutions. “È un esempio ideale di come comprare un modulo da Telit consenta ai clienti di ricevere la migliore tecnologia disponibile e moduli semplici da sostituire, senza dover riprogettare le proprie applicazioni”.

www.telit.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.