Raspberry Pi per #labuonascuola

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

2 pensieri riguardo “Raspberry Pi per #labuonascuola

  • 10/03/2015 in 10:04
    Permalink

    L’azienda dove lavoro, in Inghilterra, ha sviluppato un progetto per insegnare a programmare ai ragazzi, anche alle scuole elementari, il progetto si chiama ‘Code For Life’ e a mio parere molto interessante, informazioni, in inglese, si trovano qui:
    https://www.codeforlife.education/

    Come riporta l’introduzione:
    “In September 2014, the UK became the first country in the world to put Computing at the heart of the school curriculum.”

    Per insegnare i rudimenti dell’informatica come vedete quindi basta una iniziativa privata e nessun investimento grandioso, solo la volonta’ di realizzarlo.

    Io sto insegnando a mio figlio, di 7 anni, a programmare utilizzando Code For Life, lui si diverte ed impara!

    Risposta
  • 15/03/2015 in 15:24
    Permalink

    Purtroppo la scuola e le famiglie italiane sono voto-centriche. Le famiglie premiano i figli se portano a casa voti positivi e la scuola non ha ancora imparato a promuovere e valutare le competenze.
    Finché non si abbandona il voto-centrismo per una scuola basata sulla progettualità come applicazione delle competenze, anche innovazioni come RPI verranno visti come semplici nuove conoscenze da studiare a memoria e saranno destinate ad un successo limitato.

    Dal 2008 utilizzo Arduino nelle mie lezioni e i miei studenti più in gamba mi chiedono approfondimenti extracurricolari. Il problema sono i restanti studenti che pensano che a scuola si vada solo per portare a casa voti con il minimo dispendio di energie in modo da poterle impiegare nelle attività che li appassionano di più.

    Le nuove tecnologie (tra cui RPI e Arduino) debbono essere presentate come componenti da utilizzare all’interno di progetti di più ampio respiro perchè solo così esse diventano oggetti interessanti per un numero maggiore di ragazzi.

    Luigi, insegnante di informatica

    P.S. sarebbe interessante se Elettronica In entrasse nelle biblioteche delle scuole tecniche e nei licei S.a. italiani

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0