Il Memcomputer elabora i dati su una singola piattaforma fisica

QuantumComputer.

I calcolatori quantistici sono i computer del futuro, in quanto potenzialmente capaci di superare le limitazioni dei computer odierni, ma questa probabilmente non è la soluzione definitiva in quanto potrebbe essere maggiormente interessante ripensare completamente l’architettura dei computer elettronici, come nel caso dei ricercatori dell’Università della California e del Politecnico di Torino guidati da Massimiliano Di Ventra e Fabio Traversa, che hanno ideato il Memcomputer.

Come pubblicato su “Science Advances”, il Memcomputer è un prototipo basato sui memprocessori, che memorizzano ed elaborano l’informazione su una singola piattaforma fisica, come accade ad esempio per il cervello umano che è composto solamente dai neuroni.

Il Memprocessore riesce non solo ad elaborare le informazioni, ma parallelamente le immagazzina come una memoria, a differenza dei componenti microelettronici convenzionali, che tornano allo stato originario quando cessa il passaggio di corrente che li attraversa, consumando anche moltissima energia, visto che utilizzano per memorizzare i dati nella Ram e dell’unità di elaborazione.

In tal modo sarà possibile velocizzare le operazioni numeriche ed espandere enormemente la capacità di calcolo dei computer convenzionali, sino a limiti tuttora inimmaginabili.

Fonte: Science

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0