Ventotene, Capraia, Canarie: le isole “efficienti” di Enel

CapraiaFaro

Energicamente autosufficienti, dotate di sistemi di generazione elettrica innovativi, sostenibili sia dal punto ambientale che economico. Sono le “isole verdi” che Enel ha realizzato in Italia e Spagna: modelli di riferimento per l’accesso stabile e sicuro all’elettricità di località che il mare separa dalle reti di distribuzione nazionali e che possono essere replicati anche per paesi e aree isolati da infrastrutture di distribuzione a causa di barriere geografiche come montagne e deserti.

Il modello realizzato nelle Canarie da Enel nel 2014 è un esempio già operante di come sia possibile rendere le isole 100% rinnovabili ed energeticamente indipendenti dall’importazione di combustibili fossili e dal collegamento con reti di distribuzione continentali. A El Hierro, la più piccola delle isole dell’arcipelago spagnolo, Endesa ha infatti realizzato un impianto ibrido idro-eolico che ogni anno garantisce, oltre all’autosufficienza energetica, l’abbattimento di 18.700 tonnellate di C02 e il risparmio di 1,8 milioni di euro di petrolio importati in passato dall’isola per il proprio fabbisogno energetico.

In Italia, l’isola di Ventotene offre un altro esempio di come l’innovazione tecnologica possa generare benefici economici e ambientali per una piccola comunità altrimenti esclusa dall’evoluzione del settore elettrico nazionale a causa delle barriere geografiche. Nell’isola al largo del litorale laziale Enel ha installato un sistema di storage con batterie agli ioni di litio che permette di immagazzinare l’elettricità prodotta dai piccoli generatori locali così da evitare sia sprechi invernali che blackout estivi, riducendo l’utilizzo di carburante e le emissioni correlate. Il modello sostenibile di Ventotene potrebbe essere replicato in 286 isole europee con vantaggi per l’ambiente e le oltre 10milioni di persone che le abitano.

Capraia brilla di luce propria, anzi di luce verde. Nel luglio del 2014 è stato inaugurato, presso la centrale di produzione Enel a biodiesel – l’unica ad alimentare l’isola toscana non interconnessa alla rete elettrica del continente – il progetto “Capraia Isola verde”. L’innovativo ed efficiente modello energetico di produzione di elettricità a bassissimo impatto ambientale ha reso Capraia la prima “isola verde” d’Italia, in grado di fornire elettricità alle 467 forniture di bassa tensione dei residenti con punte estive di circa 2.000 presenze. La produzione di elettricità per l’isola è affidata a una innovativa centrale elettrodiesel costituita da 4 nuovi generatori per una potenza totale di 2000 kW, alimentati esclusivamente con biodiesel, combustibile biodegradabile, senza zolfo e con emissioni nulle di CO2 che permette di evitare l’emissione di 2000 tonnellate di CO2 all’anno.

www.enel.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0