Al via a Milano EUCYS, una sfida tra piccoli scienziati

EUCYS

Tutto pronto alla Fabbrica del Vapore, a Milano, per la 27^ Edizione di EUCYS (European Union Contest for Young Scientists): dal 17 al 22 settembre 200 ragazze e ragazzi da 40 nazioni dei cinque continenti si sfideranno all’ultima innovazione, per cercare di aggiudicarsi i prestigiosi riconoscimenti in palio. Voluto dalle istituzioni comunitarie (Commissione, Parlamento e Consiglio) e dai Governi degli stati membri, EUCYS (European Union Contest for Young Scientists), dal 1989 il concorso rappresenta il più importante appuntamento europeo dei migliori studenti  dai 14 ai 20 anni interessati a scienza, ricerca, tecnologia, innovazione.
Si stima che siano più di 2 milioni i giovani a conoscenza della manifestazione; più di 300 mila pensano di partecipare; sono 45 mila coloro che presentano progetti ai National organizer dei 28 stati membri dell’Unione e di almeno 12 collegati; quasi 10.000 gli iscritti alle selezioni nazionali, dove si scelgono i migliori da inviare alla finale europea.
Ciascun paese, dalla piccola Malta alla grande Germania, può mandare a EUCYS non più di 6 studenti con 3 progetti.

fabbrica-del-vapore

EUCYS 2015 si presenta con una grande novità: l’Unione europea ritiene fondamentale evidenziare il collegamento del concorso con EXPO 2015, dove è presente con il proprio padiglione istituzionale.
Perciò ha deciso di ammettere un progetto in più con ulteriori tre finalisti per ciascun paese, purché collegato con il tema dell’Esposizione universale “Nutrire il pianeta. Energia per la vita”, inteso nel suo significato più ampio.

I principali riconoscimenti conferiti con EUCYS 2015 sono: tre primi premi del valore di 7.000 Euro ciascuno; tre secondi di 5.000 Euro; tre terzi di 3.500 Euro; il premio di 5.000 Euro della cooperazione internazionale.
I tre migliori lavori collegati alla tematica EXPO ricevono un notebook e ritornano a Milano per partecipare all’evento di chiusura che la Commissione organizza al termine dell’Esposizione universale.
Il paese ospitante, avvalendosi del contributo delle sue istituzioni scientifiche, potrà integrare i riconoscimenti secondo modalità da concordare con la Commissione europea.

www.eucys2015.eu

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0