Parte dalla Rome Maker Faire l’avventura di UP, una board per i maker più esigenti


Up_Board-420x300 Parte dalla Rome Maker Faire l’avventura di UP, una board per i maker più esigenti

AAEON (gruppo ASUS), Emutex e Intel hanno unito le forze per dare vita ad UP, una board formato carta di credito che vuole colmare il gap tra il mondo dei makers e le esigenze del mercato professionale.

Disponibile nei formati di tipo commerciale e industriale, UP è una piattaforma progettata per gli sviluppatori che intendono dare vita rapidamente a soluzioni di alto livello che possano rispondere alle esigenze in ambito industriale.

La board si presenta con un form-factor simile a quello di Raspberry Pi2 ma con caratteristiche che, almeno sulla carta, dovrebbero garantire prestazioni di gran lunga superiori, oltre ad una affidabilità adatta ad un impiego professionale. E, come per Raspberry Pi, i promotori del progetto (tra i quali c’è anche Intel) vogliono raccogliere attorno a questa board una comunità col maggiore numero possibile di sviluppatori; propri per questo motivo la board sarà in grado di funzionare con sistemi operativi Linux, Windows 10 (completo) e Android.

La nuova scheda utilizza un potente chip a bassissimo consumo di Intel, solitamente utilizzato nei tablet, un Cherry Trail Atom Quad Core x5-Z8300 a 64 bit con frequenza di clock di 1,84 GHz. La GPU interna è la nuova Intel Gen 8 HD equipaggiata con 12 EU e compatibile con DirectX 11/12 e Open GL 4.2. È prevista una memoria RAM da 1 o 2 GB, una memoria per storage da 16 o 32 GB (eMMC), 4 USB 2.0, USB 3.0 OTG, Ethernet, HDMI, DSI nonché funzionalità di sicurezza hardware on board di Intel.

A disposizione della comunità è attivo un sito (www.up-board.org) con tutorial, aggiornamenti e forum. Sullo stesso sito verranno commercializzati anche gli add-on più interessanti progettati e proposti dai membri della community.

Fabrizio Del Maffeo, uno dei promotori del progetto UP, si è detto convinto del fortissimo impatto che avrà il movimento dei makers sul mercato dell’elettronica nei prossimi anni “Bill Gates e Steve Jobs – a tutti gli effetti dei makers – l’hanno fatto 35 anni fa; Elon Musk, il più famoso maker dei nostri giorni, sta cambiando il mondo dell’auto, dell’energia e dell’industria aerospaziale, dopo aver rivoluzionato i sistemi di pagamento on-line. Noi vogliamo mettere nelle mani dei makers uno strumento con cui cambiare il mondo e dare libero sfogo alla propria creatività, trasformando le idee in prodotti reali”.

UP_presentazione-383x300 Parte dalla Rome Maker Faire l’avventura di UP, una board per i maker più esigenti

Dal canto suo, John Twomey, Managing Director di Emutex ha dichiarato: “Emutex è lieta di sostenere questo progetto; a nostro parere UP rappresenta  la più potente e conveniente piattaforma basata su un processore Intel Atom. Si tratta di una piattaforma fantastica che offre la possibilità di riutilizzare la ricchezza della tecnologia x86. Per quanto riguarda il sistema operativo Linux, aiuteremo gli sviluppatori alle prime armi fornendo una nuova distribuzione di ubilinux.  Ai maker che utilizzeranno questa piattaforma in ambito Internet of Things, forniremo gratuitamente il nostro framework software ubiworx che consentirà loro di sviluppare rapidamente soluzioni di monitoraggio di sensori connessi al cloud.”

Durante la presentazione di UP è stato anche dato il via alla campagna di raccolta fondi su Kickstrater.

www.up-board.org

 

 

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Un pensiero riguardo “Parte dalla Rome Maker Faire l’avventura di UP, una board per i maker più esigenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.