Soluzione scalabile a 48 V di Maxim consente di abbassare la PUE (Power Usage Effectiveness) dei data center

48V_Maxim

Le aziende che utilizzano grandi data center hanno oggi la possibilità di avvicinarsi maggiormente al valore ideale del parametro PUE (Power Usage Effectiveness) – pari a 1,00 – utilizzando il regolatore DC/DC di Maxim Integrated  a stadio singolo, da 48 V al PoL (Point of Load).

Negli apparati dei data center, l’andamento del valore di efficienza energetica ha ormai raggiunto un punto di flesso. I servizi basati su cloud comportano un aumento dei livelli di potenza assorbita, dovuto ai requisiti posti da processori e memorie a maggiori prestazioni; gli operatori dei data center, pertanto, cercano di raggiungere un valore di PUE vicino a 1,00 – corrispondente all’azzeramento delle perdite e quindi alla possibilità di dedicare l’intero budget energetico all’elaborazione dei dati. Oggi i data center più efficienti raggiungono un PUE di 1,1; l’ulteriore ottimizzazione dell’infrastruttura IT richiede la riduzione degli stadi di conversione e delle perdite ad essi associate.  L’architettura di conversione a due stadi oggi comunemente utilizzata (da 48 V a 12 V e da 12 V al carico) ha infatti già raggiunto il proprio massimo valore di efficienza, pari al 90% circa.

Sfruttando le proprie competenze nel campo della gestione dell’alimentazione, Maxim ha messo a punto una soluzione scalabile a 48 V che infrange le barriere di efficienza, densità e prestazioni in transitorio, grazie all’integrazione tra componenti di potenza e componenti magnetici. La conversione a stadio singolo, da 48 V al PoL (da 48 V al carico), elimina infatti una componente della perdita di conversione e riduce di un fattore 16 le perdite di potenza dovute alla distribuzione nelle implementazioni rack, rispetto alle architetture a 12 V.

Ulteriori informazioni sulle soluzioni di alimentazione Maxim per applicazioni impegnative sono disponibili al link: http://bit.ly/48V_Rack_Power_Distribution

Principali vantaggi:

  • PUE più basso: efficienza di conversione e di distribuzione più elevate
  • Maggiore densità di potenza: architettura a singolo stadio
  • Migliori prestazioni in transitorio: integrazione tra componenti di potenza e componenti magnetici
  • Flessibilità a livello di sistema: architettura scalabile in termini di potenza, efficienza e costo

“La leadership di Maxim nel campo delle soluzioni di alimentazione integrate ci ha consentito di sviluppare una delle prime soluzioni a singolo stadio a 48 V per l’alimentazione di CPU, memorie, ASIC, GPU e SoC”, ha affermato Craig Teuscher, vicepresidente del settore Cloud e Data Center di Maxim Integrated. “Maxim dispone ora di una soluzione integrata a 48 V ad alte prestazioni e flessibile – coerentemente a quano proposto da Google questa settimana all’Open Compute Project Summit – che nel corso di quest’anno potrà essere implementata dai clienti che possiedono data center iperscalabili.”
www.maximintegrated.com

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0