.

Galileo a quota 14


rating_off Galileo a quota 14rating_off Galileo a quota 14rating_off Galileo a quota 14rating_off Galileo a quota 14rating_off Galileo a quota 14 (0 voti, media: 0,00 su 5)
Per poter esprimere il tuo giudizio devi essere registrato. Accedi o registrati.
loading Galileo a quota 14Loading...

Galileo_system-420x300 Galileo a quota 14

Missione compiuta per Galileo e per il vettore Soyuz che il 24 maggio ha messo in orbita Danielè e Alizée, satelliti numero 13 e 14 del programma europeo per la localizzazione e la navigazione satellitare. Il liftoff è avvenuto come programmato alle 10:48 italiana dalla base ESA situata a Kourou, Guyana Francese.

La separazione dallo stadio superiore Fregat del lanciatore è avvenuta alle 14:36, 3 ore e 48 minuti dopo il decollo. Solo sessanta secondi dopo, il centro di lancio e di controllo delle operazioni ha acquisito il segnale di entrambi i satelliti. Successivamente è arrivata la conferma che Danielè e Alizée si erano immessi nell’orbita corretta.

La fase preliminare continuerà per diversi giorni fino a quando la coppia non raggiungerà la collocazione definitiva, poi la gestione delle operazioni passerà al team del Centro di Controllo di Galileo per i test di validazione che dureranno circa tre mesi.

Il lancio è in linea con le raccomandazioni dell’UE che spinge per velocizzare il dispiegamento della costellazione: nell’ultimo anno sono stati messi in orbita ben 6 satelliti ed entro la fine del 2016 dovrebbe avviarsi la nuova stagione di lancio con Ariane 5.

Attualmente sono quindi in orbita 14 satelliti (nove operativi), che potrebbero diventare 18 a fine anno, numero che si avvicina a grandi passi al traguardo della configurazione definitiva: 30 satelliti, di cui 24 operativi e sei di riserva.

Parlando di servizi, potrebbe arrivare già ad ottobre il sì della Commissione Europea all’erogazione degli Initial services in cui sono previsti la navigazione integrata con gli altri sistemi, il Search&Rescue e il servizio governativo PRS (Public Regulated Service) per gli stati membri. Nel 2018 gli stessi saranno potenziati con l’incremento della costellazione in vista della piena operatività prevista per il 2020.

L’Italia ha avuto sin dall’inizio del programma Galileo un ruolo di primo piano tramite il coinvolgimento dell’ASI, l’Agenzia Spaziale Italiana e dell’industria nazionale, in particolare di Leonardo-Finmeccanica, impegnata con la propria Divisione Sistemi Avionici e Spaziali e con le partecipate Telespazio e Thales Alenia Space.

www.asi.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.