.

u‑blox presenta il primo modulo cellulare NB-IoT al mondo


SARA-NB-IOT_Interno-420x227 u‑blox presenta il primo modulo cellulare NB-IoT al mondo

La società svizzera u-blox ha annunciato la prossima disponibilità del modulo SARA N2 Narrowband IoT (NB IoT), il primo modulo cellulare al mondo compatibile con la Release 13 di 3GPP (standard LTE Cat. NB1).

Progettato per l’impiego in applicazioni quali smart building, smart city, lettura remota di contatori, elettrodomestici connessi, tracking, monitoraggio ambientale e agricolo, questo modulo può funzionare da 10 a 20 anni con una batteria a singola cella. Le ridotte dimensioni (package LGA da 16 x 26 mm) e l’architettura u-blox facilitano gli aggiornamenti futuri riguardanti la tecnologia cellulare (GSM, HSPA e CDMA) e l’integrazione con altri sistemi.

Il modulo SARA N2 offre comunicazioni sicure e private all’interno di  bande licenziate che garantiscono la massima qualità del servizio.

Il modulo è in grado di operare su tre bande RF con una velocità massima di downlink fino a 227 kbps e di uplink fino a 21 kbps, garantendo la possibilità di impiego nella maggior parte delle aree geografiche del mondo.

I vantaggi della tecnologia NB-IoT rispetto ad altre tecnologie radio cellulari dedicate all’Internet of Things riguardano la minor complessità del dispositivo, un funzionamento con consumo di energia particolarmente basso e un supporto di un massimo di 150 mila dispositivi per cella. Ancora più significativo è l’incremento di 20 dB del link budget rispetto alla tecnologia GPRS che consente di garantire eccellenti prestazioni anche nel caso di dispositivi posti in aree con scarsa copertura o all’interno di sotterranei di edifici.

Rispetto alle soluzioni che utilizzano bande non licenziate Low Power Wide Area (LPWA), la tecnologia NB-IoT offre una maggiore sicurezza e non è soggetta ad interferenze basandosi su una banda licenziata. Altri vantaggi includono una latenza inferiore rispetto alle reti mesh, grazie alla topologia punto-punto, la possibilità di operare su spettri adiacenti da 2G a LTE (il sistema ha bisogno solamente di 200 kHz di banda) nonché una potenza di trasmissione superiore che migliora l’affidabilità del servizio.

Il collegamento a 2 vie offre anche la possibilità di aggiornamento del firmware over-the-air. Infine, il roaming permette il funzionamento dei dispositivi che utilizzano la tecnologia NB-IoT a livello globale.

Stefano Moioli, Direttore Product Management cellulare presso u-blox, ha dichiarato “u-blox è stato un pioniere della tecnologia NB-IoT e ultimamente abbiamo lavorato a stretto contatto con le aziende, tra cui Vodafone, Deutsche Telekom e Huawei, per completare le prime prove commerciali con questa tecnologia in ambito parcheggi intelligenti e lettura di contatori. Questi studi hanno dimostrato che le reti NB-IoT sono molto più efficienti di quelle GPRS e siamo fiduciosi in un rapido sviluppo di questa tecnologia a causa dei numerosi vantaggi offerti. Siamo quindi lieti di poter annunciare il primo modulo al mondo pienamente conforme al 3GPP che permetterà ai clienti di trarre il massimo vantaggio da questa entusiasmante tecnologia.”

Campioni del modulo SARA N2 NB-IoT saranno disponibili a partire dal 4° trimestre 2016, con una produzione in volumi prevista per l’inizio 2017, di pari passo con l’aggiornamento delle reti cellulari da parte degli operatori – attualmente in corso – e che si concluderà entro il 2016.

www.u‑blox.com

 

 

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.