Un sistema di guida autonoma con Arduino? Nulla di più semplice!


ArduinoSelfDriving-400x300 Un sistema di guida autonoma con Arduino? Nulla di più semplice!

Ha dell’incredibile la notizia riportata sul blog della IEEE: un appassionato di elettronica australiano – Keran McKenzie di Melbourne – è riuscito a rendere autonoma (o quasi) la sua Ford Focus utilizzando un sistema di controllo basato su una board Arduino.

La parte più difficile per rendere autonoma una vettura è quel 1% che ancora manca per ottenere l’affidabilità assoluta del sistema, indispensabile per farne un prodotto commerciale, quel “niente” che manca anche ai giganti dell’hi-tech e ai grandi marchi automobilistici per poter mettere in vendita veicoli a guida autonoma.

Ma automatizzare il 90% della guida è relativamente facile, come ha dimostrato Keran, che ha hackerato la sua Ford Focus.  Ha iniziato col chiedersi il motivo per cui il tasto “Home” sulla macchina può solamente indicare al conducente il viaggio di ritorno a casa e non essere sfruttato in maniera alternativa.

Keran ha iniziato così a smontare i sensori ad ultrasuoni (in grado di funzionare su corte distanze e dare assistenza durante il parcheggio) sostituendoli con delle piccole telecamere controllate da Arduino. Successivamente, ha collegato il sistema ad un altro processore master Arduino situato all’interno del vano motore. Ha poi collegato il sistema ad un display montato sul cruscotto per verificare il funzionamento di tutta l’elettronica. Costo totale, è lo stesso McKenzie a fare i conti, 770 dollari americani.

Le prestazioni non sono sicuramente quelle della Google Car o della Tesla, ma il divertimento è assicurato, come dimostra il video postato dallo stesso Keran McKenzie.

[youtube LI86hWuNrfM nolink]

http://spectrum.ieee.org/

 

 

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.