Solo energie rinnovabili per il nuovo Global Cloud Data Center di Aruba

Ė stato inaugurato ufficialmente il Global Cloud Data Center di Aruba S.p.A. (www.aruba.it), polo tech più grande d’Italia a Ponte San Pietro (BG), a 30 km da Milano.

Nel suo discorso di benvenuto Stefano Cecconi, AD di Aruba S.p.A., ha chiarito come si tratti di una giornata particolarmente importante per il significato che rappresenta. “Solitamente – ha chiarito l’AD di Aruba – con l’inaugurazione si dichiara la fine dei lavori e il completamento di un’opera e questo è vero anche per noi, ma al tempo stesso questa inaugurazione è la posa della prima pietra di un progetto ancora più grande, l’apertura di un’area di 40.000 m2 a fronte dei 200.000 m2 di superficie totale del campus.

Global Cloud Data Center è una struttura completamente ecologica e dotata delle più moderne tecnologie. Il data center è stato realizzato per offrire i massimi standard di sicurezza e prestazioni e garantire il massimo livello possibile di efficienza energetica, non solo per ridurre il più possibile l’impatto sull’ambiente, ma anche per assicurare qualità e convenienza dei servizi. Il Global Cloud Data Center utilizza un impianto di raffreddamento geotermico ad alta efficienza ed è alimentato da energia proveniente da fonti rinnovabili – di origine certificata – a cui si aggiungono una centrale elettrica ed impianti fotovoltaici di proprietà, situati all’interno del campus stesso. Tutti i sistemi sono stati progettati e costruiti per soddisfare ed eccedere i massimi livelli di resilienza previsti dal livello Rating 4 (former Tier4) di ANSI/TIA 942-A.

Cecconi ha ricordato come questa avventura abbia avuto inizio un anno e mezzo fa, il 22 agosto 2016, momento in cui è partita effettivamente la riqualificazione dell’intera area. Un ringraziamento speciale è stato rivolto, quindi, alla comunità locale che ha accolto a braccia aperte l’azienda con uno spirito di gratitudine, data la volontà di Aruba di ridare vita e importanza ad una zona da tutti ricordata per gli stabilimenti Legler ed abbandonata per troppo tempo.

Soddisfazione anche per i primi risultati ottenuti: a seguito della pre-apertura del data center avvenuta a giugno, ad oggi circa il 60% della struttura è stato occupato o prenotato. “Vista la grandezza dell’impegno e dell’investimento – ha concluso Cecconi – il Global Cloud Data Center ha per noi un’importanza strategica e diventa a tutti gli effetti la nuova casa di Aruba.”

www.aruba.it

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0