.

Se anche il bollo diventa digitale


marca-da-Bollo-420x300 Se anche il bollo diventa digitale

Dovete presentare una domanda alla Pubblica Amministrazione? Richiedere un Certificato? Stipulare un atto di vendita? Emettere una fattura in esenzione IVA?

Come sappiamo, su tutti questi documenti va messa una marca da bollo che rappresenta, in ultimissima analisi, il pagamento alla Pubblica Amministrazione, del costo del disbrigo della pratica o dell’emissione del Certificato. Un costo che non è giusto (teoricamente) accollare alla fiscalità generale in quanto il servizio richiesto viene erogato a quel specifico cittadino e non a tutti. 

Il sistema di pagamento tramite bollo evita – e ha evitato negli anni – agli Uffici della PA la gestione del denaro, dimostrando nel contempo che quel servizio è stato regolarmente pagato. Un modo come un altro per scaricare sul cittadino o sull’impresa l’onere della gestione del pagamento, costringendo il cittadino stesso a recarsi in tabaccheria per l’acquisto della marca da bollo.

Fortunatamente, si sa, l’innovazione avanza, e anche nella Pubblica Amministrazione è in corso un processo di semplificazione e digitalizzazione delle attività che sta portando, poco a poco, alla dematerializzazione dei documenti che, dal formato cartaceo, stanno diventando esclusivamente digitali.

Già, ma il bollo, che fine ha fatto? Come faccio a pagare questo balzello relativo a questa o quell’altra pratica? Pensando al problema (che poi problema non è) con una visione semplicemente logica, il pagamento dell’imposta di bollo e della relativa certificazione si potrebbe risolvere in mille modi.

E invece no, ecco nascere, dopo tanti sforzi e dopo varie pensate, il bollo digitale, due parole – bollo e digitale – che fanno a pugni solo ad accostarle.

E dopo aver letto come fare ad acquistare il bollo digitale e come apporlo al documento da inviare alla PA, più d’uno penserà che, forse, era meglio una passeggiata fino al tabaccaio.

Questa vicenda ricorda tanto i primi servizi di pagamento on-line realizzati dalle società di emissione delle Carte di Credito: processi indubbiamente sicuri e funzionanti ma ancora legati a vecchi meccanismi al punto che, un sistema pensato realmente per il web come PayPal, è diventato in breve il più usato in assoluto.

Nel nostro caso, pensare a qual è la funzione ultima del bollo e sostituirlo con i dati di un normale pagamento on-line, no?

Nessuno chiede l’abolizione del bollo in quanto pagamento di un servizio richiesto, ma se la digitalizzazione della Pubblica Amministrazione procederà con questa logica, purtroppo le parole efficienza e innovazione suoneranno terribilmente vuote.

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.