.

Diamo il benvenuto al nuovo Raspberry Pi 3 B+


Il lungo viaggio del Raspberry Pi è iniziato con la sua prima versione, che è stata proposta al pubblico come scheda di prototipazione per applicazioni avanzate grazie alla notevole potenza di calcolo e alle potenzialità del sistema operativo Linux. Raspberry Pi è in tutto e per tutto una scheda madre di un compatto PC, completa di CPU, RAM e GPU, oltre ad una vasta serie di dispositivi standard come USB, Ethernet, HDMI, audio e altri pi specifici, come CSI (input per fotocamera Raspberry Pi) e DSI (interfaccia per display LCD).

La memoria di massa era ed è ancora una SD-Card, da inserire nell’apposito slot, ma la scheda Raspberry Pi poteva già utilizzare un hard disk collegato via USB. Fin dalla sua prima apparizione, il team di sviluppo ha “sfornato” varie versioni, con la versione Raspberry Pi 2 che ha segnato una nuova era nei single board PC, integrando nuove funzionalità come l’uscita audio I²S e un SoC molto più performante.
L’aggiornamento più significativo e più atteso da molti, quello della connessione WiFi, è arrivato con la versione 3.

RaspberryPi3B-1-1024x683 Diamo il benvenuto al nuovo Raspberry Pi 3 B+

Oggi il team che ha dato vita all’ecosistema “raspberry” ha deciso di aggiungere un tocco di classe alla board  Raspberry Pi 3 modello B, per renderla, se possibile, ancora più interessante.

Ė nata così  la board Raspberry Pi 3 modello B +, dove il + indica l’aggiunta di caratteristiche distintive che riportiamo nella tabella sopra, confrontandole con quelle della versione B. 
Il SoC rimane lo stesso, basato su CPU quad-core ARM Cortex A53 a 64 bit, ma il clock aumenta raggiungendo 1,4 GHz. Sul lato della connettività di rete, il WiFi on board è basato su un controller IEEE 802.11.b / g / n / ac a 2,4 GHz e 5 GHz, mentre aumenta la velocità della porta Ethernet, ora di classe Gigabit, ma con limitazione del  throughput a 300 Mbps. In altre parole, la porta Ethernet può negoziare connessioni con una rete Gigabit, ma con una velocità massima di 300 Mbps, in ogni caso superiore ai precedenti  100 Mbps.
La LAN wireless dual-band è dotata di certificazione di conformità “modulare”, che consente di utilizzare questa scheda in prodotti finali con test di conformità LAN wireless significativamente ridotti, migliorando sia i costi che i tempi di commercializzazione.

La connettività LAN wireless e Bluetooth dual-band sono fornite dal chip “combo” Cypress CYW43455, collegato a un’antenna PCB ProAnt simile a quella utilizzata su Raspberry Pi Zero W. Rispetto al suo predecessore, Raspberry Pi 3B + offre prestazioni leggermente migliori nella banda  2,4 GHz e prestazioni di gran lunga superiori nella banda a 5 GHz, come riportato nella seguente tabella a cura di LibreELEC Milhouse.

  Tx bandwidth (Mb/s) Rx bandwidth (Mb/s)
Raspberry Pi 3B 35.7 35.6
Raspberry Pi 3B+ (2.4GHz) 46.7 46.3
Raspberry Pi 3B+ (5GHz) 102 102

 

Raspberry-Pi-3-Model-Bfront-500x335 Diamo il benvenuto al nuovo Raspberry Pi 3 B+

 

Un’altra importante innovazione è il supporto per Power over Ethernet (POE) ottenuto tramite un modulo HAT aggiuntivo, ovvero uno shield dedicato che fornisce alimentazione al dispositivo remoto. Lo shield consente inoltre di alimentare l’intera scheda bypassando il connettore micro-USB; in modalità PoE il modello B + di Raspberry Pi si trasforma in un dispositivo di rete che può essere alimentato dall’hub PoE o dallo switch o da altri dispositivi master.

Il grafico successivo, per gentile concessione di Gareth Halfacree, dimostra che Raspberry Pi 3B + funziona più velocemente e a temperature più basse durante un test CPU Sysbench quad-core di otto minuti.
Raspberry Pi 3B + consuma sostanzialmente più energia rispetto al suo predecessore. Ė consigliabile pertanto utilizzare  un alimentatore di alta qualità da 2,5 A, come il nostro alimentatore 3A.

sysbench-2 Diamo il benvenuto al nuovo Raspberry Pi 3 B+

Sempre in tema di connettività, ora Raspberry Pi supporta la modalità Bluetooth 4.2 LE, la più avanzata tra quelle classificate come Bluetooth Smart e già adatte al supporto WPAN. Gli input e gli output video mantengono il layout e le funzionalità, anche la RAM rimane da 1 GB, in condivisione con la GPU. Conferma anche per il supporto multimediale H.264, la decodifica MPEG-4 (1080p30), la codifica H.264 (1080p30) e OpenGL ES 1.1, 2.0.

 

Eben Upton, CEO di Raspberry Pi Trading, ha dichiarato: “La versione B + di Raspberry Pi 3 consente di fornire al mercato una board perfettamente idonea all’uso nei prodotti embedded. Le nostre board hanno già dimostrato la loro grande affidabilità, alta qualità e facilità d’uso, supportate da un prezzo particolarmente interessante per tutti i mercati. Il modello B +  rappresenta un ulteriore passo in avanti, facilitando la certificazione di conformità e riducendo costi e tempi di commercializzazione, ad un prezzo ideale per tutte le applicazioni.”

 

RaspberryPi3BDimension-500x302 Diamo il benvenuto al nuovo Raspberry Pi 3 B+

Il modello B + Raspberry Pi 3 mantiene lo stesso ingombro meccanico sia del modello Raspberry Pi 2 che del modello B di Raspberry Pi 3; la piena compatibiliyà riguarda anche il software.

La nuova Board è già disponibile e acquistabile presso Futura Elettronica

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.