Weather Underground non fornirà più le API per il meteo gratis

 

Weather Underground è (o forse è meglio dire “era”) un utilissimo sito di meteorologia che rileva il tempo meteo grazie alle tante stazioni meteo degli appassionati che inviano i loro dati al sito. Tantissimi progetti sono nati grazie a questo servizio.

Non ultima la stazione con Epaper pubblicata sul numero 226 di Elettronica In.
E’ recentissima la notizia che ora le API non saranno più gratuite ma a pagamento… ed il web è insorto… Forum dedicati si sono scatenati e sono state addirittura aperte delle petizioni contro IBM.
IBM? Sì esatto, Weather Underground è stata acquisita nel 2015 da IBM che ora ha deciso di limitarne l’accesso.

Cercando di accedere alla pagina per la registrazione e l’utilizzo delle API si legge un avviso che riporta:

Weather Underground come parte di The Weather Company, un’azienda di IBM, offre una serie di informazioni che sfruttano l’ampiezza e la profondità dei dati meteorologici per fornire le condizioni attuali e le previsioni meteo, previsioni stagionali e sub-stagionali, indici di lifestyle, condizioni meteorologiche avverse e dati meteorologici storici.
Con The Weather Company puoi usufruire di questi pacchetti in modo rapido e semplice, accedendo alle API dei dati meteo tramite il Cloud. I pacchetti sono garantiti per darti solo ciò di cui hai bisogno nel formato che ti serve. È possibile incorporare dati meteorologici nelle applicazioni o combinare dati aziendali con dati meteorologici per avere avvisi e notifiche, dati di previsione e immagini meteorologiche, quindi applicare analisi avanzate per costruire le basi per un processo decisionale aziendale.
Per migliorare i nostri servizi e la relazione con i nostri utenti, non forniremo più chiavi API meteo gratuite. Se ti è stato richiesto di scaricare le nostre chiavi API gratuite Weather Underground da un fornitore di terze parti, contatta il fornitore per avere una soluzione.

 

 

E come detto il popolo della rete è insorto. Nella petizione si legge chiaramente tutto lo sconcerto degli utilizzatori.

Ecco un estratto:


Molte appassionati meteo privati hanno fornito a Wunderground i dati delle loro stazioni … per oltre 20 anni con l’aspettativa che gli usi non commerciali sarebbero sempre stati consentiti.
Molte stazioni meteorologiche private scaricano i dati meteo tramite l’API gratuita non commerciale per l’utilizzo con siti Web, app e altri software che saranno fortemente influenzati dal recente annuncio di WUndergrounds.
….
Quindi, per farla breve, WUnderground ce lo sta mettendo “i quel posto”, ma vorrebbe comunque che gli fornissimo i nostri dati, che ora possono vendere ad altre società o a noi stessi per una cifra astronomica come $ 800,00 al mese per “acquistare” una chiave API per riscaricare i nostri dati!
Dopo che molti appassionati meteo hanno fornito per anni hardware, dati, denaro, energia, tempo e fiducia a WUnderground, ci stanno incastrando!
Questa petizione è di chiedere a WUnderground di riconsiderare il loro piano aziendale e di riprendere a continuare a fornire l’accesso alle API non commerciali !!

Ovviamente anche noi di Elettronica In ci impegneremo a trovare una soluzione e invitiamo tutti a fornire delle valide alternative per tutti quei makers che vogliono continuare a utilizzare i dati meteo per le loro applicazioni non commerciali.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0