Maker Faire Rome: Bridgestone e l’auto del futuro

Il mondo intero è in uno stato di rapida trasformazione, con macro-tendenze come la digitalizzazione, i cambiamenti climatici e l’urbanizzazione che influenzano enormemente il modo in cui utilizziamo i trasporti. Da qui la necessità – per le case automobilistiche – di orientarsi sempre di più verso una “mobilità innovativa”, orientata a tutti gli effetti al futuro.

Come sarà l’auto del futuro

Secondo Emilio Tiberio, VP del dipartimento di Ricerca e Sviluppo di Bridgestone EMEA: “La prima cosa è la macchina connessa. Entro il 2030, tutti i veicoli venduti saranno collegati! Tra 12 anni il 22 percento dei veicoli sarà autonomo. Avanti, veicoli condivisi. Sarà condiviso fino al 33% del totale dei chilometri percorsi nell’UE. Ciò include la condivisione, il ride sharing e il ride. E infine veicoli elettrici compresi i modelli ibridi. Fino al 57% percento di tutte le auto sarà alimentato elettricamente. Ciò potrebbe non sorprendere alcuni considerando le pressioni ambientali e delle risorse che attualmente influenzano la domanda di veicoli elettrici. Ma dovremmo considerare i vasti cambiamenti infrastrutturali che saranno necessari per renderlo possibile. Mentre questo periodo di cambiamento ci presenta davvero sfide enormi, ci offre anche opportunità uniche. E per soddisfare queste opportunità l’innovazione spinge gli operatori del settore a diventare di creare soluzioni per la mobilità“.
Da qui nascono due soluzioni innovative di Bridgestone.

 

My Speedy

E’ un ottimo esempio di soluzione digitale che Bridgestone fornisce ai conducenti di tutti i giorni. Utilizzando una tecnologia telematica incorporata nel veicolo per misurare tutti i suoi componenti chiave – come pneumatici, freni, batteria e olio motore – My Speedy monitora la salute di un veicolo in tempo reale. Se rileva un problema, My Speedy lo contrassegnerà inviando avvisi a un’app dedicata sullo smartphone dell’utente e condividerà anche i consigli di  manutenzione per risolvere il problema e impedendo che accada di nuovo in futuro. E My Speedy, attraverso un algoritmo avanzato, ha persino la capacità unica di prevedere i problemi prima che si verifichino.

Fleetpulse

Fleetpulse è una soluzione “tre in uno” lanciata di recente per affrontare i tempi di fermo dei camion nelle operazioni di flotta. Utilizzando l’app Fleetpulse, i conducenti e i tecnici possono seguire una checklist per completare digitalmente i loro controlli tecnici. Il servizio FleetPulse viene fornito anche con l’hardware del sistema di monitoraggio della pressione dei pneumatici per il veicolo. Questi dati vengono raccolti automaticamente e ritrasmessi ai conducenti e ai manager attraverso l’app FleetPulse e la dashboard online. FleetPulse non solo assicura che la pressione dei pneumatici sia ottimizzata e che i veicoli rimangano in uso, ma sta anche aiutando le flotte ad evitare i costi degli pneumatici e a ridurre le emissioni di CO2 causate dall’usura eccessiva dei pneumatici e da inutili ustioni consumi di carburante.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0