Memorie UFS basate su tecnologia BiCS FLASH per applicazioni embedded automotive

I prodotti rispondono ai requisiti di archiviazione dati, incluse maggiori prestazioni e capacità, imposti dalle applicazioni dei veicoli connessi e autonomi.

Toshiba Memory Europe ha annunciato di aver dato avvio al campionamento delle nuove soluzioni di memoria embedded per automotive conformi alla versione 2.1 dello standard JEDEC UFS. La linea di prodotti UFS per automotive dell’azienda supporta un ampio intervallo di temperature (da -40°C a +105°C), soddisfa i requisiti dello standard AEC-Q100 di Classe 2 e offre il grado di affidabilità richiesto da diverse applicazioni automotive. La linea di prodotti è costituita da quattro tagli di capacità: 32 gigabyte (GB), 64GB, 128GB e 256GB.

I nuovi prodotti sono dispositivi di memoria flash NAND embedded che integrano la tecnologia di memoria flash 3D BiCS FLASH e un controllore in un singolo package FBGA a 153 sfere. Essi includono un’interfaccia HS-G3 e operano con un’alimentazione da 3,3V (unità di memoria) e da 1,8V (interfaccia).

Con le auto connesse e i veicoli che genereranno prevedibilmente enormi quantità di dati, i requisiti di storage delle applicazioni automotive continueranno ad aumentare. I dispositivi basati sulla tecnologia FLASH BiCS UFS di TME offrono ai clienti un’opzione che, rispetto ai dispositivi e-MMC e UFS esistenti, supporta meglio le loro esigenze in termini di alte prestazioni e di densità. Ad esempio, le prestazioni in lettura e scrittura del dispositivo da 256GB sono superiori di circa il 6 per cento e del 33 per cento rispettivamente, se confrontati con i dispositivi di Toshiba da 256GB di precedente generazione.

I vantaggi prestazionali dei dispositivi UFS li hanno resi la soluzione di memoria preferita per gli smartphone di alta fascia e di fascia media e, con l’aumento della complessità e dei requisiti di storage delle applicazioni automotive, la tecnologia UFS è destinata a diventare la soluzione ideale in tali applicazioni. Toshiba è stata la prima azienda a introdurre le memorie UFS (nel 2013), e ciò la pone in una posizione unica per anticipare e supportare applicazioni in continua evoluzione, consentendo così la transizione verso le soluzioni UFS.

Ai dispositivi UFS di TME per automotive sono state aggiunte numerose funzioni, quali il refresh, il controllo termico e la diagnostica estesa, che sono particolarmente adatte per le esigenze delle applicazioni automotive. La funzione di refresh può essere utilizzata per aggiornare i dati archiviati nei dispositivi UFS, e contribuisce a prolungare la durata dei dati. La funzione di controllo termico protegge contro il surriscaldamento che si può produrre nelle applicazioni automotive. Infine, la funzione di diagnosi estesa consente agli utenti di esaminare facilmente lo stato del dispositivo.

I progressi tecnologici nei sistemi avanzati di infotainment, di guida assistita (ADAS) e di guida autonoma continueranno ad aumentare i requisiti di storage nelle applicazioni automotive. Al crescere di queste esigenze, TME manterrà una posizione di leadership nel mercato, rafforzando la propria linea di soluzioni di memoria ad alte prestazioni e ad alta capacità destinate al settore.

Le versioni da 64GB, 128GB e 256GB dei dispositivi sono attualmente in fase di campionamento e la versione da 32GB seguirà entro Giugno 2019.

www.toshiba-memory.com/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0