Sistema di test per User Equipment e demo 5G a 28GHz da National Instruments

Al recente 2019 Summit 5G di Brooklyn, National Instruments (www.ni.com) ha reso disponibile il 5G NR Non-Standalone Test UE per test 5G di laboratorio e sul campo. Il sistema, completamente indipendente e conforme a 3GPP Release 15 (NSA), è in grado di emulare il funzionamento completo dei dispositivi dell’utente finale o delle apparecchiature utente ovvero degli User Equipment (UE). 

In aggiunta a questa soluzione, National Instruments, Radisys ( www.radisys.com) e CommScope (www.commscope.com) hanno presentato una demo di una rete 5G New Radio (NR) a 28 GHz.

Questa prima dimostrazione pubblica, scaturita dalla collaborazione delle tre aziende, mostra una stazione base a 28 GHz (altrimenti definita gNodeB) che utilizza una Remote Radio Unit (RRU) di CommScope e che viene gestita da un software sviluppato da Radisys; questa stazione comunica con una unità Test UE di National Instruments.

Si tratta di uno dei primi sistemi mmWave end-to-end sviluppati e dimostra l’interoperabilità di un multivendor, fondamentale per un ecosistema 5G più ampio.

NI Test UE

Basato sulla robusta piattaforma PXI Express, la soluzione NI Test UE aiuta i clienti a testare i prototipi in laboratorio e sul campo; inoltre, i clienti possono eseguire l’InterOperability Device Testing (IoDT), che è una parte fondamentale del processo di commercializzazione, e che garantisce che le apparecchiature di rete funzionino con User Equipment (UE) di qualsiasi fornitore e viceversa. La soluzione NI Test UE può anche essere utilizzata per eseguire test di benchmark per valutare tutte le funzionalità di apparecchiature commerciali e precommerciali a micro-celle, a celle piccole e macro-celle 5G NR gNodeB.

Una descrizione della soluzione Test UE è disponibile qui, mentre a questa pagina è disponibile un video che illustra la nuova soluzione. 

Spirent (www.spirent.com) ha collaborato con NI per aggiungere il supporto NR 5G al suo attuale portafoglio di prodotti. “Mentre il 5G stava prendendo piede, abbiamo cercato di trovare una piattaforma NG 5G di livello mondiale che potesse sovraperformare il mercato odierno e continuare a farlo con la maturazione del mercato 5G“, ha dichiarato Clarke Ryan, senior director of Product Development di Spirent. “Quale leader nella tecnologia SDR – Software Defined Radio dal 2011, scegliere NI è stata per noi naturale al fine di garantirci la disponibilità delle migliori radio con le migliori capacità di test per essere sempre all’avanguardia con i nostri clienti”.

L’offerta NI Test UE offre un sistema flessibile per la valutazione della tecnologia 5G. I clienti possono utilizzare i front end SDR per selezionare la frequenza sub-6 GHz a loro scelta. Il sistema scala fino a un portante di componenti di larghezza di banda di 100 MHz e può essere configurato fino a 4×2 MIMO per raggiungere un throughput massimo di 2,3 Gb/s. Il software 5G NR Release 15 include uno stack completo in grado di connettersi con un gNodeB 5G fornendo informazioni diagnostiche in tempo reale. I clienti possono registrare le informazioni diagnostiche su un disco per l’analisi e il debug post-test e possono visualizzarle su display per una visualizzazione in tempo reale.

L’attività di test si trova al vertice delle distribuzioni commerciali 5G e gli operatori mobili devono garantire che la loro infrastruttura sia abilitata per il 5G in modo virtualizzato, programmabile, aperto ed economico“, ha dichiarato Neeraj Patel, Vice President e General Manager, Software and Services, Radisys. “NI sta sfruttando la nostra prima suite di software 5G come motore per la sua offerta Test UE. La nostra soluzione completa di codice sorgente 5G per UE, gNB e 5GCN rappresenta una tecnologia d’avanguardia che consente ai clienti di creare soluzioni 5G NR. Supportando queste prime applicazioni di test insieme a NI e Spirent, stiamo accelerando la commercializzazione 5G che cambierà il modo in cui il mondo si connette.”

Una demo a 28 GHz

Mentre la distribuzione commerciale delle reti 5G sub-6 GHz è già iniziata, la tecnologia mmWave continua a essere sottoposta a sviluppo anche durante l’avvio del rollout. I team di ricerca e sviluppo di tutto il mondo hanno affrontato le sfide che mmWave presenta con le prime versioni di apparecchiature a 28 GHz che stanno comparendo sul mercato. I sistemi di test debbono garantire che le apparecchiature di rete (gNodeB) e le apparecchiature utente (UE) funzionino correttamente (InterOperability Device Testing – IoDT) e che la tecnologia possa essere utilizzata in una varietà di scenari, dal laboratorio all’utilizzo sul campo.

La demo presentata in occasione del Summit 5G di Brooklyn utilizza prodotti di più fornitori. Il Test UE di NI per frequenze superiori a 6 GHz esegue uno strato fisico progettato da NI sul sistema di transceiver mmWave di NI e un programma SDR (software defined radio) mmWave con uno stack di livello superiore fornito da Radisys. La suite software 5G NR di Radisys abilita il Test UE di NI nello spettro di frequenza di mmWave con modalità di funzionamento non standalone e standalone. GNodeB è costruito con un layer fisico in esecuzione su Intel FlexRAN, uno stack di protocollo di livello superiore fornito da Radisys e una unità remota radio (RRU) con antenna di CommScope. Una piccola cella commerciale LTE viene utilizzata come supporto LTE in modalità non standalone. Nel suo insieme questo sistema può effettuare una chiamata live 5G NR mmWave tra NI Test UE e la stazione base 5G commerciale, composta da CommScope RRU, Intel FlexRAN e stack di protocollo Radisys.

Siamo lieti di collaborare con i leader del settore come NI e CommScope per supportare questa importante dimostrazione che mette in mostra il primo ecosistema RAN multivendor del settore basato su specifiche O-RAN, in particolare l’interfaccia F1 per la disaggregazione CU-DU che abilita le implementazioni del mmWave 5G” ha dichiarato Neeraj Patel, vice president and general manager of Software and Services at Radisys. “Oltre a fornire una soluzione Open RAN scalabile, Radisys ha fornito anche servizi di integrazione, test e validazione per l’operatività end-to-end dell’intero sistema, dall’UE al gNB all’intera rete. Siamo entusiasti delle possibilità offerte dalla tecnologia 5G ai nostri clienti, impegnandoci ad accelerare la commercializzazione di questi trial di successo.”

Farid Firouzbakht, vicepresidente senior di prodotti RF di CommScope, ha dichiarato: “La nostra antenna integrata consente di sfruttare tutte le capacità dello spettro 5G mmWave offrendo al contempo la massima flessibilità all’interno di un ambiente Open RAN. Come membro dell’organizzazione ORAN, siamo favorevoli ad un’interfaccia a banda base aperta che garantisce una maggiore innovazione nel mercato wireless“.

James Kimery, direttore marketing NI per la ricerca wireless, ha dichiarato: “Questa demo convalida la piattaforma mmWave SDR hardware e software coinvolgendo i fornitori commerciali CommScope e Radisys. Questo è uno dei primi sistemi mmWave end-to-end sviluppati e dimostra chiaramente l’interoperabilità di un multivendor che è fondamentale per un più ampio ecosistema 5G.

 

 

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0