Massimo Banzi presenta la nuova famiglia Arduino Nano

Piccole, iconiche, potenti: una famiglia di schede economiche, robuste, compatte e facili da programmare, Firmate Arduino.

In occasione della Maker Faire Bay Area, 17 maggio 2019, Arduino (arduino.cc) annuncia la nuova famiglia Nano. Progettata pensando ai produttori, la nuova famiglia Nano offre schede economiche per i progetti di tutti i giorni. Mantenendo la qualità e l’affidabilità di Arduino, rendono più semplice che mai trasformare le idee in progetti reali. Sono compatibili con le classiche schede Arduino, hanno un basso consumo energetico e processori più potenti.

La nuova famiglia Nano comprende 4 board:

Arduino Nano Every: perfetta per i progetti di tutti i giorni.

Arduino Nano 33 IoT: piccola, sicura e connesso al mondo IoT.

Arduino Nano 33 BLE: piccola, a bassa potenza e con connessione Bluetooth.

Arduino Nano BLE Sense: piccola, a bassa potenza, con connessione Bluetooth, collegata ad una vasta gamma di sensori.

Per i maker che desiderano realizzare progetti compatti, Arduino Nano offre una soluzione piccola e potente, alla portata di tutti, ma con la qualità Arduino che tutti i progettisti si meritano. Massimo Banzi, co-fondatore di Arduino, ha commentato: “Le nuove board Nano sono destinate ai milioni di creativi che utilizzano l’IDE di Arduino per la sua semplicità e per l’aspetto open source, ma vogliono schede di valore, potenti, con cui realizzare progetti compatti. Con prezzi a partire da 9,90 dollari per Nano Every, questa famiglia colma una lacuna nella gamma Arduino, fornendo ai maker la qualità Arduino che meritano per i propri progetti quotidiani“.

Un focus sulle nuove schede

Arduino Nano Every

Arduino Nano Every è un modulo di dimensioni ridotte basato sul microcontrollore Microchip ATMega4809. La scheda può essere utilizzata in una breadboard quando si montano i pin header o come un modulo SMT direttamente saldato su una PCB grazie ai suoi pad. È un workshorse compatto, in grado di sostituire il classico Arduino Nano in tutti i progetti in cui gli utenti hanno bisogno di più capacità. Un ATSAMD11 (con processore Arm Cortex M0 +) funge da convertitore USB-seriale ad alte prestazioni che può essere riprogrammato da utenti esperti per ottenere ancora di più.

Arduino Nano 33 IoT

Arduino Nano 33 IoT è un modulo in miniatura contenente un microcontrollore ATSAMD21 basato su processore Arm Cortex M0 +, un modulo WiFi + BT basato su Espressif ESP32, un IMU a 6 assi e un chip crittografico che può archiviare in modo sicuro certificati e chiavi pre condivise. La scheda può essere utilizzata in una breadboard, o come modulo SMT, saldandola direttamente tramite gli appositi pads. Un processore ATSAMD11 Arm Cortex-M0 + funge da convertitore USB-seriale ad alte prestazioni che può essere riprogrammato da utenti esperti per ottenere ancora di più. La scheda è compatibile con Arduino IoT Cloud.

Arduino Nano 33 BLE

Arduino Nano 33 BLE è un modulo di dimensioni ridotte contenente un modulo ublox NINA B306, basato su Nordic nRF52480 e contenente un Arm Cortex-M4F e un IMU a 9 assi. Il modulo può essere montato come componente DIP, o come componente SMT.

Arduino Nano BLE Sense

Arduino Nano 33 BLE Sense è un modulo di dimensioni ridotte contenente un modulo ublox NINA B306, basato su Nordic nRF52480, un potente processore Arm Cortex-M4F e un ampio set di sensori. Il modulo può essere montato come componente DIP, o come componente SMT. Progettato per un basso consumo energetico, Nano 33 BLE Sense può essere utilizzato per il rilevamento ambientale (barometro, umidità, temperatura, luce) e applicazioni di interfaccia HMI grazie al microfono incorporato e al sensore di prossimità / gesture.

La famiglia Arduino Nano è disponibile in pre-ordine. Arduino Nano Every e Arduino Nano 33 IoT saranno disponibili da metà giugno,  Arduino Nano 33 BLE e Arduino Nano BLE Sense saranno disponibili da metà luglio.

 

 

 

Un pensiero riguardo “Massimo Banzi presenta la nuova famiglia Arduino Nano

  • 24/05/2019 in 22:05
    Permalink

    La vendita sarebbe esponenziale se non ci fosse il problema del codice da utilizzare che purtroppo non tutti conoscono. L’ho acquistato con i sensori, speso 150 euro tra tutto quanto e poi l’ho venduto a 30. Sono ritornato ai temporizzatori già assemblati e economici.. Peccato.
    Mauri

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0