I nuovi SAW miniaturizzati di Murata soddisfano le esigenze della comunicazione 5G

Murata ha reso noto l’introduzione dei nuovi componenti SAW (Surface Acoustic Wave) progettati per espletare compiti di filtraggio RF e di duplexer. Questi prodotti sono stati ideati per soddisfare la richiesta, in continuo aumento, di ridurre le dimensioni dei componenti usati nei telefoni mobili: si tratta di un’esigenza che l’avvento della telefonia 5G contribuirà ad acuire ulteriormente.

I componenti della serie SAYAV/SAYAR (per il duplexing) sono disponibili in formato 1612 (1,6×1,2mm), mentre quelli della serie SAFFW (per il filtraggio in ricezione) vengono forniti nel formato 0907 (0,9×0,7mm). Si tratta dei dispositivi più piccoli del loro genere al momento disponibili, in grado di fornire prestazioni confrontabili se non addirittura superiori, rispetto ai tradizionali filtri SAW.

Destinati all’uso in smartphone, router Wi-Fi domestici, moduli M2M industriali e altri prodotti IoT con connettività LTE e Wi-Fi, questi dispositivi SAW di Murata rappresentano la soluzione ideale per tutti i progettisti impegnati nello sviluppo di prodotti consumer e/o industriali che integrano funzionalità LTE/Wi-Fi.

Caratterizzati da prestazioni via via più spinte e sempre più ricchi di funzionalità, gli odierni smarphone richiedono una batteria con capacità più elevata e integrano telecamere complesse che tendono a occupare uno spazio maggiore. Al fine di aumentare lo spazio disponibile per l’assemblaggio dei componenti necessari per incrementare le funzioni disponibili e le prestazioni, è quindi necessario utilizzare substrati RF più piccoli per la gestione dei segnali wireless.

Nello stesso tempo i moderni smartphone supportano più bande, mentre l’LTE ora adotta tecnologie wireless che contribuiscono ad aumentare la qualità della ricezione del segnale come ad esempio l’aggregazione della portante (CA – Carrier Aggregation) e MIMO (Multiple-input Multiple-Output). Tutto ciò ha contribuito ad aumentare la complessità dei circuiti RF. Inoltre, a causa della prossima implementazione dei sistemi di comunicazioni mobili di quinta generazione (5G), la complessità dei circuiti RF aumenterà a ritmi ancora più sostenuti.

Per supportare in maniera adeguata l’evoluzione delle tecnologie degli smartphone, è necessario utilizzare componenti sempre più piccoli per i circuiti RF. Questo aspetto interessa in particolare i dispositivi SAW che sono posizionati tra le antenne e i circuiti di ricezione/trasmissione per estrarre i segnali wireless a determinate frequenze. Le dimensioni di questi componenti assumono una rilevanza critica: basti pensare che nei modelli di smartphone di fascia media destinati all’uso in determinate regioni geografiche sono presenti 14-15 dispositivi SAW, mentre nei dispositivi di fascia alta, che possono essere usati in tutto il mondo, il numero di tali dispositivi può arrivare a 30-40 unità. Ė pertanto evidente l’esigenza di poter disporre di componenti SAW sempre più piccoli come quelli delle nuove serie di Murata.

Sfruttando le competenze e le tecnologie maturate, Murata ha sviluppato e realizzato i più piccoli dispositivi SAW al momento presenti sul mercato in grado di supportare basse frequenze, superando tutte le difficoltà tecniche insite nel progetto. Uno dei principali vantaggi per i progettisti è la possibilità di utilizzare componenti miniaturizzati in grado di operare nell’intervallo di frequenze compreso tra 800 MHz e 2,6 GHz. Nonostante le ridottissime dimensioni, questi nuovi dispositivi SAW garantiscono prestazioni uguali se non addirittura superiori rispetto ad analoghi prodotti della concorrenza. La strategia di Murata prevede l’aggiunta graduale di nuovi modelli al fine di supportare lo standard di comunicazione LTE su scala mondiale.

www.murata.com

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0