Il coraggio di scegliere il Sole

Arsenio Spadoni

Journalist, ElettronicaIn Publisher & Founder, Futura Elettronica Founder,

7 pensieri riguardo “Il coraggio di scegliere il Sole

  • 26/06/2020 in 08:07
    Permalink

    Buongiorno Spadoni, leggere i suoi articoli è come respirare aria fresca, ogni tanto ci vuole! Condivido al 100% ciò che dice e cerco anch’io, nel piccolo, di contribuire (impianto FV e Zoe). L’idea di usare le auto elettriche come accumulo “distribuito” e quasi gratuito è eccezionale! Ma quanti ne capiscono le potenzialità? Al momento, pure tra i giovani, prevalgono pregiudizi e incapacità di guardare lontano… E gli industriali del settore ancora peggio, altrimenti non ci troveremmo negli ultimi posti tra ibride ed elettriche… Buona giornata!

  • 26/06/2020 in 13:27
    Permalink

    Buongiorno,

    Sono proprietario di un impianto fotovoltaico, e vorrei ottimizzare l’uso della caldaia a metano e dei climatizzatori alimentati dai pannelli.

    Avete un dispositivo / progetto che possa gestire caldaia e 3 climatizzatori ?

    Rispondetemi via e-mail.

    Grazie.

  • 26/06/2020 in 15:37
    Permalink

    Sarebbe ora di incentivare anche il privato con piccole potenze ad uso domestico cancellando tante “palle” burocratiche.Domenico

  • 26/06/2020 in 19:06
    Permalink

    Gentilissimo Dr. Spadoni,

    fotovoltaico come scelta strategica nazionale? ma di cosa stiamo parlando?
    Solo un flash sul ns caso:
    . az. agricola bio con impianto fotov. 112 kW, su tetti, ad isola (no connessione rete, no gse, bisogna industriarsi per consumarne il + possibile)
    . collegamento pannelli 60 celle in parallelo a 35 Vdc, senza inverter + mezzi elettrici Eletev per l’agricoltura biologica
    . formalmente l’energia fotov. dovrebbe essere esente da accisa fino a 200kW per uso non “civile”
    . la realta’ dei fatti: per poter attivare l’impianto abbiamo dovuto concordare con l’Ag. delle Dogane un forfait annuale per 120 mila kWh/anno (massima energia teoricamente producible dall’impianto) e 1500 euro/anno di accise …
    . inoltre divieto asssoluto di utilizzare l’energia prodotta anche nell’abitazione dell’imprenditore agricolo (perche’ l’energia ad uso “civile” avrebbe un’accisa doppia…)
    . ci vorra’ qualche settimana solo per smaltire il malessere di una simile mortificazione…

    • 27/06/2020 in 08:00
      Permalink

      È proprio per quello che lei scrive che è necessaria una visione completamente nuova dello sviluppo del nostro Paese, con l’eliminazione delle sorgenti fossili come obiettivo primario. Accompagnato dallo sviluppo di una forte industria del fotovoltaico e dei sistemi di accumulo. Ormai la tecnologia c’è, è solo questione di volontà politica.

  • 27/06/2020 in 19:05
    Permalink

    Quando i governanti italiani capiranno che non sono ne le accise e ne la vendita di energia una strategia, su cui accanirsi, allora il nostro paese avrà intrapreso un’altra direzione e i ritardi rispetto ai paesi nord europei, che invece si preoccupano di sviluppare tecnologie innovative, potranno ridursi, ma quanti decenni dovremo attendere? Mi chiedo a cosa serve avere tecnologie dei “tubi” piuttosto che tecnologie in grado di produrre materiali per produrre energia rinnovabile!

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0