Calcolo facile del dissipatore – Tips&Tricks

2 pensieri riguardo “Calcolo facile del dissipatore – Tips&Tricks

  • 29/01/2022 in 14:34
    Permalink

    Scusate redazione, ma al di là della forma grammaticale della prima frase dell’articolo, che dovrebbe suggerire l’opportunità di una rilettura prima di pubblicare (“Energy Harvesting è un termine che molti sperimentatori sono in difficoltà quando devono calcolare il dissipatore”), segnalo anche che il termine Energy Harvesting non ha nulla a che fare con i dissipatori termici, né tantomeno con il loro dimensionamento.

    Tale locuzione indica infatti il procedimento di “mietere energia” andando a recuperarla da quelle situazioni che la rendono disponibile in quantitativi molto ridotti, ma sufficienti tuttavia per alimentare un circuito con bassissimi requisiti di assorbimento.
    Un esempio è il recupero di energia da un processo termico sfruttando una cella di Peltier o una termocoppia, oppure trasformare un’ energia di vibrazione meccanica in energia elettrica mediante un materiale piezoelettrico, o persino ricavare energia da un segnale a radiofrequenza presente nell’ambiente, e così via.

    Lo scopo è appunto quello di alimentare un circuito che assorbe molto poco, come ad esempio un sensore che deve misurare qualche grandezza fisica con un intervallo molto lungo fra una misura e l’altra, e magari trasmettere il risultato via radio.

    In una rivista che ha una scopo didattico come la vostra, sarebbe opportuno dedicare una maggior attenzione alla qualità dei contenuti che si pubblicano, soprattutto pensando agli studenti che sono avidi di informazioni e prendono per buono quello che leggono.

    Saluti
    Marco Morocutti

    • 29/01/2022 in 17:03
      Permalink

      Grazie Marco per la segnalazione e la precisazione. Abbiamo provveduto a correggere il post.

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0