Questo mese in Edicola

N. 239 – Ottobre 2019

6,00

Acquistabile on-line all'uscita in edicola del numero 240.

RISC-V, l’anno della svolta

La verità è che per i produttori di semiconduttori le royalties x86 e ARM pesano troppo.

Al momento la guerra commerciale scatenata dall’amministrazione Trump nei confronti della Cina e di alcune società cinesi come il colosso Huawei ha un solo vincitore: l’architettura hardware open source RISC-V. Il timore di non poter più accedere a licenze hardware (tipicamente ARM e x86) per realizzare i propri processori, ha spinto le più importanti società cinesi del settore ad imboccare l’unica strada possibile: quella dell’open source hardware rappresentata dall’architettura RISC-V, certificata come libera da vincoli di brevetto e concessa in licenza in base a Creative Commons CC BY 4.0.

E così in pochi mesi si sono susseguiti importanti annunci: Huawei ha presentato HarmonyOS, un nuovissimo sistema operativo open-source, in grado di funzionare sia su hardware ARM che RISC-V; Xiaomi sta testando un processore RISC-V prodotto da Huami; un importante partner di Alibaba – il produttore cinese di semiconduttori Pingtouge – ha lanciato il processore a 16 core XuanTie 910 basato su architettura RISC-V.

A tutto ciò bisogna aggiungere le iniziative che numerosi player occidentali hanno in corso: dagli importanti investimenti di Qualcomm in SiFive, ai nuovi prodotti di Western Digital, agli strumenti di sviluppo professionale di IAR System. Solo per citarne alcuni.  Anche l’European Processor Initiative ha dovuto imboccare la strada dell’hardware open source.

Un’accelerazione che sta sempre di più mettendo all’angolo il numero 1 dell’hardware per processori: la società inglese ARM (acquistata da SoftBank nel 2016) e che già nel 2018 ha visto un significativo calo degli introiti, nonostante le nuove politiche commerciali introdotte.

La verità è che per i produttori di semiconduttori le royalties dei chip x86 e ARM pesano troppo e rallentano i tempi di sviluppo; RISC-V mira a rompere il controllo proprietario sulla progettazione dei processori liberando nuove risorse, esattamente come l’open-source ha fatto col mondo software.
C’è sicuramente ancora molto da fare per completare questa transizione, ma nessun’altra nuova architettura in passato ha avuto le stesse possibilità di successo.

 

 

Arsenio Spadoni

 

Sommario

Domotica per tutti
Realizziamo semplici applicazioni utilizzando le periferiche hardware di comunicazione disponibili sulla CM3-Home.
La fiamma che non brucia
Basato su Neopixel e uno speciale Arduino ultra-sottile, simula la luce prodotta dalla fiamma dei camini.
 Slot-machine professionale
Realizziamo la popolare macchina da sala giochi in versione casalinga, per divertirsi in compagnia, con tanto di gettoniera e vincite in denaro, ma senza trucco né inganno. Prima puntata.
 Amplificatore classe D single chip
Finale di potenza stereo da 10+10W su 8 ohm basato sull’integrato PAM8610, idoneo a sistemi che richiedono elevato rendimento e poco calore da smaltire.
Display Wi-Fi NIXIE Style
Rievochiamo le affascinanti valvole Nixie attraverso dei display basati su pacchetti di lastrine in plexiglass incise a laser, illuminate mediante LED Neopixel.
MKRFOX1200 SIGFOX
La rete IoT d’oltralpe che ha invaso il Mondo.
Mercury Meteo Station
Una semplice stazione meteo basata su Mercury System, che visualizza temperatura e umidità ambiente su una dashboard web.
Telecontrollo con GSM shield
Emuliamo i telecontrolli della serie TDG utilizzando il GSM Shield. Seconda e ultima puntata.
Il mondo dell’Internet of Things
Sperimentiamo l’IoT con l’impiego della rete a basso consumo LoRa, valida alternativa alle reti WiFi e al GSM.
Per il download dei contenuti è necessario essere registrati al sito.
Clicca qui per accedere o per registrarti

0