Questo mese in Edicola

N. 241 – Dic. 2019/ Gen. 2020

6,00

Acquistabile on-line all'uscita in edicola del numero 242.

Google e la supremazia quantistica

La prestigiosa rivista Nature ha pubblicato recentemente la notizia che un team di ricercatori di Google ha realizzato un grande progresso nell’informatica quantistica, sperimentando con successo quella che viene definita supremazia quantistica. Con questo termine si intende che un computer quantistico, in questo caso il “Sycamore” di Google, è riuscito a completare un calcolo che un computer tradizionale, per quanto potente, non riuscirebbe – praticamente – a portare a termine.

Possiamo paragonare questo evento al primo volo dei fratelli Wright.
“Questo evento – scrive Sundar Pichai, CEO di Google, nel blog della società – rappresenta una pietra miliare nello sforzo di sfruttare i principi della meccanica quantistica per risolvere i problemi computazionali, un passo in avanti che possiamo paragonare al primo volo dei fratelli Wright.”

Per Google il viaggio dura da 13 anni: nel 2006, lo scienziato di Google Hartmut Neven ha iniziato a esplorare l’idea di come il calcolo quantistico avrebbe potuto aiutare gli sforzi per accelerare l’apprendimento automatico. Questo lavoro ha portato alla fondazione del team Google AI Quantum al quale, nel 2014, si è unito John Martinis e il suo team dell’Università della California a Santa Barbara, mettendo in comune le energie per costruire un computer quantistico. Due anni dopo, Sergio Boixo ha pubblicato un documento che illustrava gli sforzi verso l’obiettivo ben definito della supremazia quantistica.

Ora questo obiettivo è stato raggiunto. Sinceramente non siamo in grado di valutare quanto importante sia questo risultato e se l’entusiasmo del team di Google sia giustificato. L’annuncio ha lasciato piuttosto scettici gli addetti ai lavori, in particolare i diretti concorrenti come IBM, Microsoft e Intel. Secondo IBM l’esperimento ha poco senso perché l’incredibile risultato è stato ottenuto solo in un ambito molto specifico, senza possibili ulteriori ricadute sulla vita reale e non è in grado di aprire nuove strade di ricerca. Anche secondo Intel la ricerca dovrebbe essere rivolta a dimostrare la “praticità quantistica” piuttosto che la supremazia.

Sta di fatto che nonostante lo sviluppo dei supercomputer tradizionali che hanno raggiunto capacità di calcolo incredibili, siamo ormai tutti convinti che solo con i computer quantistici riusciremo a raggiungere quelle capacità computazionali in grado di fornire un impulso decisivo a fondamentali ricerche in corso che spaziano dalla fisica alla medicina, dalla chimica alla meteorologia, dalla crittografia all’intelligenza artificiale.

 

Arsenio Spadoni

Sommario

Domotica per tutti
Proseguiamo l’analisi della CM3-Home, la scheda per lo sviluppo di applicazioni domotiche basata su Raspberry Pi, con nuovi esempi di utilizzo basati sulla Rete e sul WiFi.
Meteo Net
Rileva i parametri ambientali e ne pubblica i dati su Cloud. Può funzionare per anni alimentato con due semplici batterie stilo, senza la necessità di prese di corrente.
 Foam Cutter – La macchina tagliapolistirolo
Realizziamo una macchina in grado di ottenere ogni genere di sagoma partendo da materiali espansi, mediante taglio a filo caldo.
 3DRAG + Motorfish
Risolve il problema della perdita di passo che può affliggere le stampanti 3D e che, specie in quelle grandi che richiedono tante ore per stampare i pezzi, può significare ingenti perdite di tempo e denaro.
PixBrush, dipingere con la luce
Costruiamo una barra NeoPixel portatile controllata da una centralina touchscreen e mettiamo in pratica la tecnica del “light painting.
Sensore di qualità dell’aria
Misuriamo la qualità dell’aria intorno a noi mediante un sensore a tecnologia laser in grado di misurare, la concentrazione delle famigerate micropolveri.
Energy Meter GSM
Monitora il consumo di elettricità e invia i dati rilevati nel cloud attraverso la rete cellulare GSM; è basato su una Arduino Mega equipaggiata di GSM Shield e di una scheda su cui è montata la schedina di misura. Seconda e ultima puntata.
Raspberry Pi 4, funzioni avanzate
Le nuove release di sistema operativo Raspbian offrono funzionalità e possibilità di configurazione per Raspberry Pi 4 decisamente avanzate.
Conoscere e usare Kivy
Kivy permette di creare interfacce grafiche multi-touch che interagiscono con il touchscreen e l’hardware di Raspberry Pi. In questa puntata, spieghiamo come installare la libreria Kivy e come realizzare il primo “hello world”.
Per il download dei contenuti è necessario essere registrati al sito.
Clicca qui per accedere o per registrarti

0