N. 85 – Dic. 2003/Gen. 2004

6,00

Svuota

Dalle parole ai fatti. Dopo l’editoriale del mese scorso nel quale sottolineavamo l’esigenza di maggiori investimenti per l’istruzione tecnico-scientifica indispensabili per affrontare le sfide tecnologiche e produttive dei Paesi emergenti e, nel nostro piccolo, ci impegnavamo a dare un taglio più didattico ai contenuti della rivista, abbiamo ricevuto numerose e-mail di approvazione e di incoraggiamento. Non solo. Nelle ultime settimane sono aumentate notevolmente anche le richieste di abbonamento, segno questo che molti lettori hanno notato ed apprezzato già nel fascicolo di novembre questo cambiamento di rotta. Un segno tangibile, dunque, al quale non potevamo che rispondere allo stesso modo: se quelle di novembre erano parole, il fascicolo di dicembre/gennaio, quello che state leggendo in questo momento, è una realtà oggettiva. Un numero pieno di progetti, idee, notizie e soprattutto didattica. Con talmente tanto materiale che abbiamo dovuto aumentare il numero di pagine da 80 a 128 con un investimento economico notevole dal momento che abbiamo lasciato invariato il prezzo di copertina. Un investimento effettuato nell’ottica di creare un nuovo e più intenso rapporto con i lettori, diffondere maggiormente la rivista nelle scuole, nelle aziende e tra coloro che si occupano di elettronica per puro diletto personale. Con un vantaggio reciproco, immediato per i lettori e più a lungo termine per noi. D’altra parte è questa la regola di tutte le forme d’investimento, sia che si tratti di famiglie, aziende o stati sovrani: per crescere è soprattutto per garantire un futuro migliore alle generazioni che verranno è necessario spendere una quota quanto più elevata possibile del reddito disponibile per tutte le iniziative finalizzate alla istruzione, alla ricerca ed alla creazione di moderne infrastrutture. Diceva un famoso economista che solamente chi non ha figli o chi non li ama, non sente l’esigenza di destinare parte del proprio reddito agli investimenti produttivi. Ma torniamo con i piedi per terra segnalando come abbia finalmente “messo le ali” il Corso dedicato al sistema embedded SitePlayer con la pubblicazione di numerosi listati che consentono di chiarire la modalità di funzionamento di questo dispositivo che integra hardware, firmware e software. Ci piace anche indicare all’attenzione dei lettori il progetto del localizzatore remoto: non tanto per l’apparecchiatura in sé che, come facilmente intuibile, è un’evoluzione di altri progetti proposti in passato, ma per il fatto di essere riusciti a realizzare una stazione remota completamente wireless con l’impiego di un palmare: una novità mondiale di cui siamo particolarmente fieri. Nello stesso articolo proponiamo una serie di informazioni e curiosità sull’evoluzione dei sistemi di localizzazione che, ne siamo certi, interesseranno non solo gli addetti ai lavori, ma anche il più vasto pubblico dei lettori. Buona lettura e… Buone Feste a tutti!

Arsenio Spadoni

 

Sommario

  • Termostato con controllo remoto via telefono
    Consente di regolare automaticamente la temperatura di un ambiente su due valori: giorno o notte. Dispone di un ingresso telefonico che consente la gestione remota del circuito attraverso toni DTMF generati dai telefoni a tastiera. Alimentato dalla tensione di rete.
  • Registratore/riproduttore 16 messaggi
    Per registrare e riprodurre, in digitale, 16 diversi messaggi sonori. Dispone di un’interfaccia composta da 3 pulsanti e da 4 dipswitch utilizzati per selezionare un messaggio. La stessa interfaccia è inoltre disponibile anche attraverso una serie di connettori strip maschio.
  • Oscilloscopio ed analizzatore di spettro su PC
    Un semplice (e potente) programma per convertire un qualsiasi PC dotato di scheda audio in un completo set di strumenti per gli appassionati di audio frequenza. Prevede un generatore di funzioni, un frequenzimetro e un oscilloscopio.
  • Sistema veicolare di localizzazione con PC o palmare
    Innovativo sistema di localizzazione remota per veicoli che utilizza le reti GPS e GSM. Il sistema è composto da un’unità remota (completa di ascolto ambientale) e da una stazione base che può essere fissa (PC più modem) o mobile (palmare più cellulare).
  • Corso di programmazione Sony-Ericcson GM47
    Corso di programmazione ed utilizzo del modulo GSM GM47 prodotto dalla Sony Ericsson. Grazie a questo tutorial approfondiremo la conoscenza del software e dell’hardware di questo modulo al fine di realizzare numerose applicazioni GSM. Quarta puntata.
  • Controllo luci per PC
    Centralina luci controllata da PC adatta per rappresentazioni teatrali, spettacoli musicali e manifestazioni similari. Sistema modulare con possibilità di utilizzare da 1 a 8 unità di potenza.
  • Corso di programmazione modulo SitePlayer
    Corso di programmazione e utilizzo del modulo SitePlayerTM SP1. Il dispositivo realizza un Web Server, permette cioè di interfacciare e comandare un circuito elettronico attraverso una normale pagina Internet. Quarta puntata.
  • Display per regolatore di carica
    Completiamo il progetto con un display in grado di visualizzare tutti i più importanti parametri operativi, dalla tensione fornita dai pannelli alla corrente di carica e scarica degli accumulatori. Anche il funzionamento di questo circuito viene gestito da un microcontrollore.
  • Controller Input/output Internet tramite Web Server SitePlayer
    Utilizzando un modulo SitePlayer SP1 vedremo come è possibile realizzare un controller di 4 ingressi fotoaccoppiati e 4 uscite digitali munite di relativo relè accessibile direttamente attraverso una pagina Internet.
Per il download degli articoli è necessario essere registrati al sito.
Clicca qui per accedere o per registrarti