N. 167 – Giugno 2012

6,00

Svuota

Crisi, banda larga e agenda digitale
L’altro giorno, in macchina, mi è capitato di ascoltare un bollettino sul traffico che mi informava che, dopo pochi chilometri, avrei trovato un incidente con relativa coda. Giunto sul posto, l’incidente era già stato risolto e la coda smaltita. Mi sono venute subito in mente le polemiche degli ultimi anni relative all’inadeguatezza del sistema informativo sulla viabilità e gli sforzi (costosi e spesso inutili) fatti da vari enti pubblici e privati per fornire un valido servizio di questo tipo. Ho rivisto le immagini delle tante sale di controllo della Polstrada, di Autostrade per l’Italia, del CCISS, ISO radio, eccetera, e ho pensato alle relative risorse di persone e mezzi impegnati in questa attività che, come nel mio caso, spesso non funziona nel modo sperato. La cosa che però mi ha fatto maggiormente riflettere su questo episodio (abbastanza marginale, del resto) è stato il fatto che il mio smartphone, gratuitamente e senza costi per la collettività, mi ha fornito – tramite il servizio Google Maps Traffico – notizie in tempo reale più precise sulla viabilità, segnalandomi col colore verde che quel tratto di strada non presentava più problemi. Notizie ricavate, tra l’altro, automaticamente dagli smartphone di altri utenti che si trovavano in zona. Quale morale ricavare da questo episodio? Semplicemente la conferma che l’innovazione in tutti i campi non può che passare dai servizi Internet e che quindi è sempre più urgente e necessario migliorare e rafforzare le reti per la trasmissione dati, sia la fibra ottica che i sistemi wireless. In sostanza dobbiamo al più presto creare quelle strade e autostrade digitali in grado di “reggere” tutti i servizi, nuovi e vecchi, che sono alle porte. E pigiare sull’acceleratore della digitalizzazione dei servizi pubblici, dalla sanità all’istruzione, dal fisco a tutte le pratiche di sportello. In questo momento di grave crisi economica per l’Italia si può risparmiare su tutto ma non sulla creazione di un sistema di trasmissione dati che garantisca a tutti, a casa e in mobilità, perlomeno una velocità di 100 Mbsec; una infrastruttura ormai indispensabile non solo per la normale operatività ma soprattutto per migliorare l’efficienza del nostro sistema economico, tentando così di uscire dalla crisi. Dell’argomento si sta occupando proprio in questi giorni un team di esperti del ministro Passera: ci auguriamo che, come noi, tutti si convincano dell’urgenza di trovare le risorse per questa fondamentale infrastruttura per il Paese.

Arsenio Spadoni

Sommario

  • Swinging Labyrint
    Applicazione didattica o gioco da luna-park, questo sistema è indubbiamente un doppio esercizio di abilità, che vi metterà alla prova prima nel realizzarlo e poi nell’usarlo.
  • Combinatore vocale GSM
    Collegato a una centrale di allarme, quando viene attivato almeno uno degli ingressi di cui dispone chiama i numeri telefonici memorizzati facendo ascoltare avvisi vocali personalizzati. Seconda e ultima puntata.
  • Lettore RFID con SD Card e BUS I2C
    Concludiamo la realizzazione del lettore di tessere RFID per controllo accessi con la descrizione del software e delle modalità di comunicazione e interfacciamento mediante il protocollo I2C. Ultima puntata.
  • Maker Faire: la festa del DIY
    Un sole estivo ha accolto gli oltre 100 mila visitatori che hanno affollato nel week-end del 19-20 maggio la cittadina della Bay Area per la settima edizione della Maker Faire, l’evento dedicato a makers, innovatori e comunità di DIY.
  • Un programmatore HV modulare per MCU Atmel
    Dopo avere costruito il programmatore HV affrontiamo i concetti generali della programmazione e descriviamo il firmware della sezione Master. Terza parte.
  • Comunicazioni audio a LED
    Utilizziamo i LED per illuminare un ambiente e nel contempo sfruttiamo l’emissione luminosa per trasmettere un segnale audio in FM.
  • Alla scoperta di Open Picus
    Dopo avere presentato i dispositivi hardware della serie FlyPort e l’ambiente di sviluppo gratuito del progetto OpenPicus, è tempo di iniziare ad approfondire le possibilità di utilizzo con qualche semplice programma. Terza Puntata.
  • Robot Area – Arriva in Italia First Lego League
    Sta per partire il primo campionato italiano tra robot didattici costruiti da giovani Under 14 con i prodotti LEGO MINDSTORMS.
  • Robot Area – Rover Cingolato con braccio a pinza
    Sull’onda del successo del robot bipede e di Spiderin, ecco un nuovo progetto dedicato alla robotica, un braccio con pinza prensile montato su un rover e radiocomandato.
  • MiniBUS, un BUS per l’automazione
    Proseguiamo la presentazione del sistema flessibile di automazione domestica con la descrizione del modulo di espansione e dei moduli periferici specializzati collegati al controllo centrale con il protocollo I2C a livello di segnale potenziato per poter coprire lunghe distanze. Seconda puntata.
  • Corso Atmel open source
    Iniziamo l’esplorazione delle periferiche interne dell’ATMEGA16 analizzando quelle dedicate al conteggio di tempi ed eventi, per capire quali sono i loro compiti e come possano essere utilizzate all’interno di un programma. Sesta puntata.
Per il download dei contenuti è necessario essere registrati al sito.
Clicca qui per accedere o per registrarti
Per il download degli articoli è necessario essere registrati al sito.
Clicca qui per accedere o per registrarti