N. 219 – Ottobre 2017

6,00

Svuota

Samsung e Intel, uno storico sorpasso
Dopo anni di incontrastato dominio in vetta alla classifica dei produttori di semiconduttori, Intel ha dovuto cedere lo scettro a Samsung: nel secondo trimestre di quest’anno, infatti, i ricavi del colosso coreano hanno superato quelli della multinazionale di Santa Clara. Non che il bilancio di Intel sia un cattivo bilancio. Tutt’altro. Semplicemente Samsung è cresciuta più rapidamente ed ha superato di poco nel trimestre il fatturato di Intel. Ma veniamo ai dati. Nel secondo trimestre del 2017 Samsung ha fatturato 15,8 miliardi di dollari contro i 14,4 di Intel, con entrambe le società che hanno messo a segno significativi progressi rispetto allo scorso anno; per quanto riguarda gli utili, fanno impressione quelli di Samsung (7,2 miliardi) anche se i 3,8 miliardi di Intel non sono certo noccioline. Samsung, dunque, nonostante gli ottimi risultati di Intel, si appresta (la conferma la avremo a fine anno) a occupare ufficialmente il primo gradino del podio. Merito soprattutto della varietà dell’offerta che spazia dalle memorie all’IoT, dal wearable al “mobile”, tutti settori in forte crescita. Al contrario oltre il 50% dei ricavi di Intel è dovuto ai processori per PC, un mercato in lento calo. Sicuramente Samsung è stata più veloce ad intercettare le nuove tendenze del mercato globale, ed ora ne trae il meritato frutto. Questo tuttavia non significa che Intel, dopo aver perso il treno del “mobile”, che sicuramente le è costato il primo posto in classifica, non stia attuando una serie di iniziative per intercettare nuovi business in arrivo. Come quello dei processori per data center, un mercato in rapida crescita, ma soprattutto quello dell’automotive e della guida autonoma. Dopo l’acquisizione della società israeliana Mobileye per 15 miliardi di dollari, Intel ha stretto recentemente forti accordi con BMW e FCA per cercare di andare ad occupare una posizione di primo piano in un mercato che si profila ancora più ampio di quello del “mobile”. Insomma, non è detto che il regno di Samsung duri a lungo.

Sommario

  • STEM shield
    Una board di sperimentazione delle capacità delle schede Arduino, ricca di periferiche specifiche per il mondo Educational.
  • Programmazione AVR Stand-Alone
    Impariamo a programmare i microcontrollori Atmel della serie AVR utilizzando l’IDE Arduino e il nuovo programmatore Pololu USB AVR v2.
  • HTML5 WEB app
    Controlliamo Arduino tramite una web app residente su Raspberry Pi, utilizzando jQuery Mobile, PHP5 e MySQL, per gestire un hardware che legge lo stato di 4 sensori e comanda altrettanti relé.
  • 3D4040: stampa in grande
    Capace di produrre stampe di 400 x 400 x 400 mm, integra tutte le funzionalità della 3Drag compresa l’hackerabilità caratteristica del controller basato su Arduino.
  • Gruppo di continuità per telecontrolli GSM
    Concepito per la serie di telecontrolli di Futura Elettronica, consente di mantenere il circuito in funzione, grazie a una batteria agli ioni di litio, in assenza dell’alimentazione principale.
  • Rileviamo la qualità dell’aria
    Grazie a un sensore capace di rilevare la concentrazione di particelle inquinanti in sospensione, realizziamo uno strumento in grado di comunicarci quando l’aria è viziata ed è opportuno aerare il locale.
  • Fishide
    Un nuovo ambiente di sviluppo nato per le nostre schede Fishino, ma adatto anche alle Arduino ufficiali. Prima puntata.
  • Tracking del viso con RandA
    Analizziamo i volti tramite una telecamera montata su pan-tilt gestito da Arduino e la potenza di calcolo della board del lampone e del sistema operativo Raspbian con installata la libreria OpenCV.
  • Rilevatore di microspie
    Ricevitore a banda larga e amplificazione diretta in grado di rilevare segnali RF di ogni genere e con qualsiasi modulazione, idoneo al rilevamento delle temutissime “cimici” negli ambienti dove la riservatezza è indispensabile.
  • L’ambiente MikroE
    Proseguiamo il nostro viaggio alla scoperta dei tool hardware e software prodotti da MikroElektronica, occupandoci della gestione dei display LCD alfanumerici con la nostra piattaforma di sviluppo. Quinta puntata.

 

Per il download dei contenuti è necessario essere registrati al sito.
Clicca qui per accedere o per registrarti